spin

CAFFEINA CULTURA FESTIVAL

DIECI GIORNI DI CULTURA GLOBALE, INCONTRI CON L'AUTORE, MUSICA, READING, TEATRO, LABORATORI PER BAMBINI, LIBRI, DIBATTITI, PROIEZIONI, ANTEPRIME NAZIONALI, EMOZIONE, MOSTRE, DIVERTIMENTO, GRANDI EVENTI.

Con oltre dieci giorni di incontri con scrittori e giornalisti, dibattiti, reading teatrali, anteprime nazionali, letture sceniche, teatro per ragazzi, concerti, proiezioni, spettacoli, sonorizzazioni, mostre ed esposizioni, Caffeina Festival segna nel 2016 la sua decima edizione.

Come di consueto, il cuore medievale di Viterbo si trasforma dal 26 giugno al 5 luglio  in una vera e propria Cittadella della Cultura dove il pubblico passeggia, vive, indugia. Caffeina è cultura in libera uscita. Senza vincoli e senza confini. Senza etichette. Caffeina è cultura nuova, senza schemi, senza appartenenze, senza provenienze. Senza divise. È cultura che vive. Che dona e si dona. Senza secondi fini. Caffeina è la leggerezza di una serata estiva. È una passeggiata senza obblighi. L’eccitazione di non avere una meta. La cittadella Caffeina è tutta in questa idea, in questo sgarbo alla razionalità, nel coraggio della leggerezza, nel bisogno di comunicazione. Dell’altro, del diverso, della sorpresa. Oltre i codici del previsto e del consentito, contro ogni dover essere, Caffeina cultura è un “territorio franco”. È libertà di scelta. È cultura alta e bassa che si incontrano e si confondono. È approfondimento senza noia, è divertimento con stile.

Caffeina fa miracoli. E quindi il medioevo prende vita: piazze, vicoli, palazzi storici, cortili, scale, logge, chiese, durante Caffeina, diventano il palcoscenico naturale per una proposta culturale che non vuole percorrere strade già battute, sentieri già conosciuti.

Dagli incontri al teatro, dai dibattiti agli spettacoli per bambini, dai corsi tematici ai concerti, dalle mostre d’arte alle esposizioni, dall’artigianato alla gastronomia, è come se gli antichi muri ricominciassero a palpitare di un senso tutto nuovo, come se il grigio del peperino conquistasse sfumature inimmaginabili di colore.